You are here

Le conseguenze non intenzionali delle riforme pensionistiche sulla fertilità intergenerazionale

Abstract: 

In questo paper studiamo il ruolo di assistenza all’infanzia fornita dai nonni sulle scelte riproduttive e lavorative dei loro figli. Per far questo sfruttiamo l’innalzamento nell’età pensionabile in Italia negli anni Novanta, conseguenza di una decade di riforme pensionistiche, che ha portato la generazione di nonni a lavorare più a lungo di quanto avrebbero fatto in assenza di riforme. L’ipotesi è che l’allungamento degli orizzonti lavorativi abbia prodotto uno shock nella offerta di assistenza all’infanzia per la generazione successiva. Troviamo un significativo effetto negativo nell’età al primo figlio per coppie i cui genitori siano stati maggiormente colpiti dalle riforme pensionistiche ed i risultati sono in linea con l’ipotesi che le scelte riproduttive vengano posticipate di un periodo pari all’incremento dell’età pensionabile. Non troviamo invece alcun effetto di tali riforme sulle scelte lavorative della donna.

Speaker: 
Michele De Nadai
Short bio: 

Michele De Nadai ha una posizione post-doc e sta lavorando all’interno del progetto Le implicazioni Politiche dell'Invecchiamento Demografico, presso l'Università di Padova.
Ha ottenuto un dottorato di ricerca in Scienze Statistiche con una tesi sugli errori di misura nei dati di consumo.
I suoi interessi di ricerca includono microeconometria, errori di misura, dati panel e valutazione di politiche.

Data: 
10 Maggio 2013 - 11:00
Luogo: 

IRVAPP/Fondazione Bruno Kessler - Via Santa Croce 77 - Trento

Programma: 

La presentazione si terrà in lingua inglese.